Acquista con fino a 40€ di sconto

CORSO DI BALLO

Boogie Woogie

I NOSTRI CORSI

Presentazioni gratuite

Approfitta della promozione: acquista con uno sconto fino a 40€!

In promozione

EsaurImento posti

19:30
90%
20:30
95%
21:30 N.D.
0%
Corso di Boogie Woogie Milano

In promozione

Boogie Woogie

ESAURIMENTO

19:30
90%
20:30
95%
21:30 N.D.
0%

In promozione

EsaurImento posti

19:30
95%
20:30 – N.D.
100%
21:30
90%
Corso di Boogie Woogie Milano

In promozione

Boogie Woogie

ESAURIMENTO

19:30
95%
20:30 – N.D.
100%
21:30
90%

CONOSCERE IL BOOGIE WOOGIE

Il Boogie Woogie: che cos’è e le sue origini

Il Boogie Woogie è sia un ballo di coppia che uno stile musicale.

La sua origine è da ricercare nei ghetti del Texas di fine 1800 quando i pianisti neri cominciano a sviluppare un nuovo modo di suonare il blues, una forma più ritmata e veloce. La comunità trovava con questa musica rifugio dalle difficoltà quotidiane.

I primi musicisti di boogie woogie erano solitamente autodidatti, che imparavano a suonare guardando altri musicisti o ascoltando registrazioni.

In poco tempo divenne popolare tra i giovani neri americani e si diffuse in tutto il paese.

Nel 1928 il pianista Pinetop Smith registrò il brano ‘Pinetop’s Boogie Woogie’, facendo così conoscere il boogie woogie al grande pubblico ma è nella seconda metà degli anni ‘30 che questo genere musicale inizia finalmente a guadagnarsi il meritato spazio anche nel grande pubblico.

Nel 1938 i tre pianisti neri Albert Ammons, Pete Johnson e Meade Lux Lewis, vennero scoperti da un bianco: John Hammond. Da qui questo genere viene presentato al pubblico bianco e da quel giorno inizia un vero e proprio boom.

Durante la seconda guerra mondiale il governo statunitense strinse accordi con alcune case discografiche in modo da produrre dischi (V-disc) da inviare ai militari americani al fronte. 

Negli anni ‘50 il Boogie Woogie era entrato prepotentemente nella vita di tutti.

LO STILE BOOGIE WOOGIE

Boogie Woogie: il ballo

A differenza della sua musica che ha inizio a fine Ottocento, il ballo del Boogie Woogie non è comparso prima degli anni ‘50, l’epoca del Rock and Roll ed era perfetto per ballare sui nuovi ritmi più veloci.

Negli anni ‘70 grazie a un gruppo di ballerini europei, il Boogie Woogie divenne ballo da gara.

LE ORIGINI DEL BOOGIE WOOGIE

Perchè Boogie Woogie?

Le teorie sull’origine del nome Boogie Woogie sono molte.

Chi pensa sia semplicemente la duplicazione del termine “boogie”, con cui all’inizio del XX secolo si chiamavano le feste improvvisate in casa dove il boogie si suonava, magari per raccogliere qualche moneta per l’affitto.

La parola “boogie” è stata anche definizione di “osceno” e “woogie” un ballo tipico della popolazione nera dell’Alabama.

Molte parole di origine africana simili in suono e scrittura al termine “boogie” fanno riferimento anche al battito della musica e alla danza scatenata.

Chi pensa che i treni a vapore dotati di “bogie” (ruote) trasportassero lavoratori e musicisti che suonavano per intrattenerli.

Sicuramente il ritmo e i rumori della locomotiva furono di fondamentale ispirazione per i musicisti dell’epoca che inserirono quella cadenza nella loro musica, rendendola unica. Il primo pezzo di cui si ha testimonianza, infatti, è datato 1927 e porta il titolo di “Honky Tonk Train Blues”.

Hai delle domande? Siamo a tua disposizione!